Telefoni senza fili, cellulari e cordless, ancora sotto accusa per il rischio di tumori al cervello.

Telefoni senza fili, cellulari e cordless, ancora sotto accusa per il rischio di tumori al cervello. www.radiationresearch.org). Secondo lo studio, l’uso di questi apparecchi e’ pericoloso soprattutto per i bambini, che rischiano piu’ degli adulti di ammalarsi di tumore al cervello. Ma ci sono anche pericoli di un aumento di tumori oculari, alle ghiandole salivari, di linfomi e leucemie. Le ricerche fino ad oggi finanziate dai produttori di telefonini sottostimano i rischi, secondo le accuse degli autori del Rapporto inviato ai capi di Governo e ai media, e che indica nel dettaglio i ‘vizi’ di impostazione dello studio internazionale Interphone lanciato nel 1999, realizzato in 13 Paesi e finanziato dalle aziende di telefonia. Interphone, spiega il Rapporto, voluto proprio per valutare i rischi di tumore cerebrale, sottostima il problema. I suoi ‘errori’ rappresentano la maggioranza dei motivi d’allarme che danno il titolo allo studio e che si aggiungono ai dati sui rischi di tumore, sulla maggiore vulnerabilita’ dei bambini e sulla scarsa trasparenza degli studi. Nel Rapporto i ricercatori propongono anche alcune raccomandazioni generali per ridurre i rischi delle radiazioni: – preservare alcuni luoghi pubblici (scuole, asili, parchi gioco eccetera) da ogni tipo di radiazione; – organizzare campagne di comunicazione e di prevenzione destinate agli adolescenti e ai bambini ; – L’allarme arriva da ricercatori di diversi Paesi ed e’ contenuto nel Rapporto ‘Telefonia senza fili e tumori cerebrali: 15 motivi di inquietudine’, pubblicato da EM Radiation Research e disponibile online (informare meglio il pubblico sui rischi dei dispositivi senza filo.

Telefoni senza fili, cellulari e cordless, ancora sotto accusa per il rischio di tumori al cervello.ultima modifica: 2009-09-02T10:11:38+00:00da milionidieuro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento