PER CERTI SETTORI NON C’è LA CRISI: Italia seconda AL MONDO per la vendita di armi

armi.jpgGli Stati Uniti si confermano infatti ancora una volta il maggiore venditore di armi al mondo, seguiti, se pur a grande distanza dall’Italia. Il governo italiano ha venduto 3,7 miliardi di dollari di armi nel 2008, superando così gli affari fatti dai russi che nello stesso periodo dell’anno hanno venduto «appena» 3,3 miliardi di dollari di armamenti. Un terzo rispetto ai 10,8 miliardi di dollari incassati da Mosca l’anno precedente.

A fare notizia è in particolare l’impennata dei contratti siglati dagli Stati Uniti con i Paesi in via di sviluppo che ammontano a oltre il 70% del totale delle armi vendute dagli americani l’anno scorso. I Paesi «poveri» hanno comprato armamenti americani per un valore complessivo di 29,6 miliardi di dollari. Lo rivela un rapporto del Congresso di Washington che mostra come il 70,1% delle armi vendute dagli Stati Uniti siano andate ai Paesi «poveri», per un valore di 29,6 miliardi di dollari nel solo 2008. L’anno scorso il 68,4% di tutte le armi vendute nel mondo erano di provenienza americana.

Complessivamente le vendite globali sono però calate del 7,6% rispetto al 2007, attestandosi a 55,2 miliardi di dollari in tutto. I più grandi acquirenti al mondo restano invece Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Questi ultimi hanno commissionato anche il più grande ordine del 2008 comprando dagli Usa 6,5 miliardi di dollari in sistemi di difesa per l’aeronautica.

PER CERTI SETTORI NON C’è LA CRISI: Italia seconda AL MONDO per la vendita di armiultima modifica: 2009-09-12T16:50:29+00:00da milionidieuro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento