turn by turn: il navigatore Gps DI GOOGLE

Google a tutto campo dalla navigazione Gps «turn by turn»

La navigazione

Un nuovo rivale di TomTom? Forse. Di certo Google conferma di fare estremamente sul serio anche in ambito mobile e con il lancio della versione 2.0 Eclair del suo sistema operativo per cellulari ecco arrivare una grande novità nel campo dei software di navigazione Gps. Maps Navigation è infatti il nuovo servizio gratuito, al momento disponibile in versione beta ai soli utenti statunitensi, che la casa di Mountain View metterà a disposizione di tutti gli utenti dotati di un dispositivo mobile Android di seconda generazione. Come funziona l’applicazione è presto detto: una volta collegato a Internet il telefonino con ricevitore Gps integrato (la connessione è a carico dell’utente), si possono scaricare le mappe stradali aggiornate di Google Maps e informazioni a corredo quali indicatori di traffico in tempo reale, punti di interesse facilmente ricercabili e immagini via satellite. Altre importanti funzionalità riguardano il sistema di riconoscimento vocale per richiedere a voce (in inglese) gli indirizzi di destinazione e il visualizzatore tramite il quale si potranno vedere sullo schermo, con interfaccia grafica 2D o 3D, le fotografie dell’archivio on line di Google Street View. In poche parole Google Maps Navigation lavora come un qualsiasi software di navigazione ma ha dalla sua l’unicità di combinare, su uno smartphone, le funzioni del motore Google Search e quelle di Google Maps solitamente fruibili da un computer.
Nokia Ovi e TomTom nel mirino?
Balza quindi subito all’occhio come il servizio sia in realtà molto più simile a quello realizzato da Nokia con la piattaforma Ovi (che agli utenti dei telefonini della casa finlandese costa circa 60 euro l’anno) che non ai “classici” programmi di navigazione come per esempio TomTom Navigator 7. In generale, non è corretto parlare di novità in senso assoluto – la stessa TomTom, come del resto Garmin, sono da tempo impegnate nello sviluppo di soluzioni capaci di portare in modo integrato dati residenti sul Web all’interno dei programmi di navigazione caricati sugli smartphone – ma il fatto che la casa californiana voglia giocare un ruolo importante in questo campo è ovviamente significativo. E probabilmente anche molto impattante, per due motivi almeno: l’utilizzo “free” della nuova applicazione riduce drammaticamente i costi di sviluppo dei servizi Gps, il fatto che sia un programma molto familiare ai 50 milioni di utenti che utilizzano Google Mobile Maps. Aggiungiamoci il non trascurabile elemento che i costi per l’utente sono del tutto azzerati (si parla comunque già ora di pop up pubblicitari che verranno visualizzati prima di scaricare una mappa o nel mentre si utilizzano altri servizi) ed ecco che il quadro è completo.
Il primo googlefonino con Android 2.0 a vantare a bordo Google Maps Navigation sarà il nuovo Motorola Droid, che l’operatore mobile Verizon inizierà a vendere negli Stati Uniti a partire dal 6 novembre con prezzi di listino di 199 dollari e contratto di due anni. Tutti i produttori di cellulari androidi, Htc e Samsung in testa, potranno quindi approfittare di questa “new entry” per arricchire i rispettivi terminali in rampa di lancio e non è neppure escluso che della partita possano far parte anche alcuni vendor di dispositivi Pnd, i cosiddetti “portable navigation devices” da installare in auto. La nuova sfida nella sfida a Nokia e all’iPhone di Apple, cui per altro il servizio pare faccia gola come “add on” di serie (e non come applicazione da scaricare dall’App Store), ma soprattutto a TomTom, Garmin e Navigon – le aziende di riferimento nel mercato delle soluzioni di navigazione Gps – è lanciata. La lista di nemici di Google non fa che di conseguenza aumentare ma a Mountain View sono tutt’altro che preoccupati, stando almeno a quanto proferito nelle scorse ore dal Ceo Eric Schmidt: “fino a che saremo dalla parte dei consumatori andrà tutto bene”.

turn by turn: il navigatore Gps DI GOOGLEultima modifica: 2009-10-30T09:17:00+00:00da milionidieuro
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento