Fannulloni, quando il Duce faceva come il ministro Brunetta

Il telegramma del 1941: «Esigo che alle 8 gli uffici pubblici siano già al lavoro» Ci ha già provato niente di meno che il duce a far lavorare i fannulloni. Nel 1941. Esattamente il 19 maggio del XIX anno dell’era fascista, con un telegramma agli uffici pubblici. Il tono è quello perentorio, inconfondibile di Benito Mussolini, se possibile accentuato dalla … Continua a leggere

influenza suina: nuova influenza, www.fermailvirus.it SITO INTERNET SUL VIRUS

Si chiama www.fermailvirus.it ed e’ il nuovo sito internet di giochi, test, servizi interattivi realizzato dal Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali per aiutare i cittadini a prevenire e combattere la diffusione dell’Influenza A/H1N1. Attraverso giochi e test, facili da usare, il Ministero punta alla diffusione della buona informazione sulla nuova influenza e a stimolare il coinvolgimento … Continua a leggere

Libertà di stampa: l’Italia continua a peggiorare

Peggiora la libertà di stampa in Italia: è questa una delle conclusioni dell’annuale rapporto pubblicato da “Reporters sans frontières”.Secondo la nuova classifica delll’organizzazione internazionale, gli altri dati più rilevanti sono l’aumento della libertà di stampa negli Stati Uniti dopo l’insediamento di Obama (gli Usa risalgono dal 40° posto al 20°) e il peggiorare della situazione in paesi come Iran (73°) … Continua a leggere

Archeologiaviva.tv: canale tv web interamente dedicato all’archeologia

E’ nato il primo canale televisivo web in Italia interamente dedicato all’archeologia: Archeologiaviva.tv e’ diretto da Piero Pruneti.E’ stato ‘acceso’ stamani con un accordo firmato a Firenze da Sergio Giunti, presidente di Giunti Editore e dal sindaco di Rovereto, Guglielmo Valduga. ‘Per la prima volta -sottolineano i promotori- il passato dell’uomo puo’ essere rivissuto in casa propria’. Gia’disponibili sul sito … Continua a leggere

PER CERTI SETTORI NON C’è LA CRISI: Italia seconda AL MONDO per la vendita di armi

Gli Stati Uniti si confermano infatti ancora una volta il maggiore venditore di armi al mondo, seguiti, se pur a grande distanza dall’Italia. Il governo italiano ha venduto 3,7 miliardi di dollari di armi nel 2008, superando così gli affari fatti dai russi che nello stesso periodo dell’anno hanno venduto «appena» 3,3 miliardi di dollari di armamenti. Un terzo rispetto … Continua a leggere

Outbreaks near me: CONTROLLA DIFFUSIONE dell’influenza suina con l’iPhone

Visualizzare sull’iPhone una mappa in cui sono segnalati tutti i focolai dell’influenza suina ed essere avvisati quando si e’ in prossimita’ di uno di questi: si chiama ”Outbreaks near me” la nuova applicazione della Apple creata dai ricercatori americani del Mit – Massachusetts Institute of Technology – e di Harvard (Boston) e disponibile gratuitamente per tutti i proprietari di iPhone … Continua a leggere

Ferrari 458 Italia

Si chiama 458 Italia la nuova Ferrari 8 cilindri, un concentrato di innovazioni, la nuova generazione delle berlinette a motore posteriore che sarˆ presentata al prossimo Salone dell’Auto di Francoforte. Lo annuncia la Ferrari, a poco pi di un mese dal lancio di una vettura che “fa compiere un salto generazionale alle 8 cilindri a motore posteriore centrale con forte … Continua a leggere

registrazione domini: in Italia ora si rischiano fino a tre anni di carcere o una mega multa se il sito vìola un marchio.

ATTENZIONE, prima di registrare un sito web, con un nome a dominio: in Italia ora si rischiano fino a tre anni di carcere o una mega multa se il sito vìola un marchio, anche se poco conosciuto. Secondo alcuni giuristi sarà questa una delle conseguenza del Decreto Sviluppo, da qualche giorno diventato legge dopo il sì del Senato. Contiene misure … Continua a leggere

cambio operatore telefonico: dal 2010 saranno necessari al massimo 5 giorni

Oggi servono 20 giorni: si scende a 10 da novembre. Da marzo 2010 ne basteranno 5 Tempi più brevi per cambiare gestore telefoni­co. Dall’anno prossimo baste­ranno cinque giorni per passa­re da una compagnia all’altra. L’ha deciso l’Autorità per le ga­ranzie nelle Telecomunicazioni con una delibera destinata a cambiare le abitudini di 21 mi­lioni di abbonati. Molti dei qua­li, piuttosto che … Continua a leggere